1. CS: Domani a Bari con Chiara Scardicchio per lanciare la sfida dell’educazione pastorale

    Bari– Si chiama “Dell’amore e del merito. Grovigli e sgrovigli dell’educatore pastorale” l’ultimo libro di Chiara Scardicchio, pedagogista pugliese già autrice e formatrice per edizioni la meridiana. L’autrice, figura affermata e stimata nel mondo dell’educazione e della formazione, dedica questa volta la sua riflessione di pedagogia sperimentale all’educazione pastorale. Spesso, infatti, nel mondo della Chiesa, lo sforzo educativo non si accompagna ad una adeguata formazione degli educatori. In questo testo, agile e dalla chiarissima ambizione divulgativa, Scardicchio mette insieme appunti utili a chi, nel mondo della Chiesa, in vario modo si cimenta con la sfida dell’educazione, ragionando di competenze, creatività, capacità di relazione e comunicazione. Cuore del libro è un prezioso capitolo sulla figura di Don Tonino Bello, centrato sul tema del “pellegrinaggio” come competenza specifica dell’educatore. Un testo suggestivo, evocativo e che, come sempre nella scrittura di Scardicchio, coinvolge e travolge il lettore.

    “Quando circa un anno fa con Chiara abbiamo pensato a questo suo libro, la consapevolezza di entrambe, talvolta amara, è che spesso chi educa in ambito pastorale non conosce molto di pedagogia, metodi e modalità educative.La volontà e la bontà della persona non bastano per educare: un po' di scienza e conoscenza aiutano e impostano il lavoro che porta nelle comunità, nei gruppi associativi, a occuparsi della persona e dei gruppi”, spiega Elvira Zaccagnino, direttrice di edizioni la meridiana. “Il libro risponde a questo bisogno di offrire uno strumento agile, ma intenso e chiaro nella proposta, perché nessun educatore si senta smarrito di fronte a chi gli è affidato e al gruppo che deve accompagnare in un cammino che è tra i più tosti: educare all'umano trattando del divino”, prosegue Zaccagnino.

    Il libro sarà presentato giovedì 19 settembre a Bari, presso il Seminario Arcivescovile (Auditorium Mariano Magrassi), a partire dalle ore 19. Insieme a Chiara Scardicchio, ci saranno Mons. Francesco Cacucci, Arcivescovo Metropolita di Bari-Bitonto, Don Tony Drazza, Assistente nazionale Giovani di Azione Cattolica Italiana (autore della introduzione), Giovanni Cisternino, docente e formatore dei formatori di Azione Cattolica Italiana, Annalisa Caputo, docente presso l'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Modera Elvira Zaccagnino, direttrice edizioni la meridiana.

    Continua »
  2. La Croma blindata

    La Croma blindata nella quale persero la vita, il 23 maggio del 1992, Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, i ragazzi della scorta del Giudice Falcone, negli anni scorsi ha fatto il giro di Italia.
    Messa in mostra per dire la violenza che quel giorno squarciò corpi e vite.
    Non deve essere facile per nessuno dei parenti delle vittime di mafia vedere dove i corpi dei loro cari sono stati 'uccisi'.
    “La mafia," disse Falcone, "non è un cancro proliferato per caso su un tessuto sano. Vive in perfetta simbiosi con la miriade di protettori, complici, informatori, debitori di ogni tipo, grandi e piccoli maestri cantori, gente intimidita o ricattata che appartiene a tutti gli strati della società."
    Questa consapevolezza fu anche la causa della sua condanna a morte. Non deve essere facile per i familiari di tutte le vittime innocenti di mafia avere la consapevolezza che 'la mafia non prolifera per caso...'.
    Per questo è necessario che tutti facciamo memoria.

    Continua »
  3. Teacher's Pride

    «Martedì 21 maggio, alle ore 11, ogni insegnante, studente, cittadino che voglia riaffermare la libertà di pensiero e di insegnamento, dovunque si trovi, interromperà le proprie attività, si metterà in piedi e leggerà di seguito gli articoli 21 e 33 della Costituzione italiana. Laddove possibile la lettura solenne sarà fatta in gruppo.»
    (Dal comunicato stampa)

    L’hashtag è #iononSorveglioSveglio.
    La proposta è dei docenti del Liceo Anco Marzio di Ostia che invitano tutti i colleghi di tutte le scuole d’Italia di ogni ordine e grado a fermarsi un attimo domani, martedì 21 maggio, alle 11 e leggere ad alta voce gli articoli 21 e 33 della Costituzione che sanciscono la libertà di pensiero e di insegnamento.
    Teacher's Pride. Perché la scuola in Italia è pubblica, non è scuola filogovernativa. Chiunque governi. Ricordarlo tutti insieme significa ricordarci il valore dell’istruzione e il ruolo fondamentale della scuola e dell’insegnamento in un Paese democratico.

    Un attimo fuggente quello di domani. Il più importante che un insegnante possa regalare ai suoi studenti.

    Continua »
  4. Studiare la storia per capire il presente

    Se questo è il video che studenti di una scuola media superiore hanno usato per spiegare come si arrivò alla Shoah attraverso l'introduzione delle leggi razziali da parte dello Stato trovando assonanze evidenti con il 'decreto sicurezzza' propagandato con orgoglio dai leader al Governo oggi, allora lo pubblichiamo anche noi.
    Se questo è il video che ha spinto il sottosegretario ai Beni Culturali, Lucia Borgonzoni, a scrivere in un tweet: “Se è accaduto realmente andrebbe cacciato con ignominia un prof del genere e interdetto a vita dall’insegnamento. Già avvisato chi di dovere”, facendo scomodare veramente gli ispettori del Ministero, che hanno ritenuto la docente colpevole di mancata vigilanza perché doveva far tagliare le foto sotto la scritta 'oggi', siccome questo 'è stato', allora lo pubblichiamo anche noi.
    Oggi, il giorno dopo la sentenza che ha condannato la docente Rosa Maria Dell’Aria, occorre essere partigiani.
    E nessuno venga a dirci che questa sentenza non è la conseguenza di un clima di ritorno al fascismo.
    Un plauso enorme ai ragazzi che hanno costruito quel video. Ci dicono esattamente il ruolo della scuola e le competenze di analisi e giudizio che deve saper attivare.
    Ci dicono che studiare la Storia serve a capire il presente perchè ciò che è stato di disumano non accada ancora.
    Soprattutto quando a farlo accadere è lo Stato con le leggi che vara.

    Continua »
  5. Insegnare è una forma di erotismo

    Massimo Recalcati ha scritto che insegnare è una forma di erotismo. Eros = amore. Non è vocazione e nemmeno sacrifico. 
    Se insegni perché ti senti chiamato a salvare il mondo, sei fuori strada. Se entri classe e senti che quella è la tua croce, hai sbagliato mestiere.
    E i ragazzi lo capiscono: ci guardano, ci squadrano e ci inquadrano.
    Ma... è difficile insegnare con questi ragazzi, in queste scuole, con questi programmi, con questi colleghi, con questi ritmi tenendo viva la passione, l'amore per la scuola. Difficile ma non impossibile.

    Ce la possiamo fare a estromettere dalla scuola l'idea dell'impossibilità. A non essere fascicoli da compilare o un fascicolo tra tanti.

    Un libro, due autrici e formatrici, Annamaria Gatti e Annamaria Giarolo, un venerdì pomeriggio nella 'casa' di edizioni la meridiana per confrontarci e sperimentare come insegnare e stare bene in classe e ridirci: io amo la scuola.

    Tutte le informazioni a questo link.

    Continua »
  6. Lo scatto finale accenna soltanto il clima

    Lo scatto finale accenna soltanto al clima. Noi possiamo solo dirvi che il corso aveva quattro appuntamenti in aula e uno di tutoraggio e insieme, corsiste e formatrice, hanno deciso di inserire un altro appuntamento comunicandoci la data. 
    Che martedì 30 aprile, data di fine corso, la nostra sede era un luogo di confronto e vitalità esplosivi; che ognuna delle participanti ha sperimentato in classe, verificandone i risultati con le corsiste i processi di facilitazione appresi durante il periodo di formazione, e che noi siamo stati investiti del compito di ragionare in termini formativi ed editoriali su quanto potenzialmente di innovativo c'è nella facilitazione a scuola e non solo a scuola.
    Un gruppo di docenti molto qualificato con una formatrice molto preparata e generosa nel condividere il suo sapere.
    Facilitare è un processo.
    Un corso sulla Facilitazione a scuola è stata, fin dalla pubblicazione di Facilitiamoci! Prendersi cura di gruppi e comunità, una idea sulla quale abbiamo lavorato con Melania Bigi e Comunitazione. Dopo due anni il primo corso è stato fatto. 
    E, finalmente, di come la scuola può cambiare se agli insegnanti viene dato il 'potere' di farlo e hanno voglia di mettersi in gioco sperimentando realmente ci è stato dato un assaggio.
    Questa foto segna non la fine del corso ma un istante di un processo che è ancora tutto da far accadere.

    Continua »
  7. Repubblica, democrazia, lavoro

    È scritto così: "L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro". Quindi il lavoro fonda la democrazia della nostra Repubblica. 

    Chi lo ha non dimentichi che, lavorando ogni giorno, rifonda e consolida il carattero democratico del nostro Paese.
    Chi lo cerca, lo cerchi pensando che nelle radici della nostra Costituzione affonda il destino migliore pensato per il nostro Paese: l'essere una Repubblica democratica. 

    Repubblica, democrazia, lavoro. Senza una delle tre parole viene meno tutto il resto della nostra Costituzione e della nostra dignità di persone e cittadini.

    Continua »
  8. Rivendicare i libri letti come i calli sulle mani

    Scriveva alcuni giorni fa Michele Serra che dovremmo cominciare a "rivendicare i libri letti come i calli sulle mani".
    E in effetti di un lettore che legge molto si dice 'lettore incallito'. 
    Questo è il complimento migliore che si può fare a scrittori, lettori, editori. E farlo oggi, 23 aprile, è una forma resiliente di cittadinanza. 
    Perché il 23 aprile è riconosciuta dall’UNESCO come la giornata in cui si festeggia la lettura.
    Una festa nata in Spagna, in Catalogna, in occasione della ricorrenza di San Giorgio, patrono della regione. Era consuetudine che gli uomini regalassero alle donne una rosa. I librai fecero lo stesso con le clienti per ogni libro acquistato durante quella giornata. 
    Noi non possiamo spedirvi le rose. Ma i libri sì. E oggi più che mai vi invitiamo a sfogliare il nostro catalogo e a trovare il libro che fa per voi.
    Perché avere i calli in quanto lettori è una forma, oggi, per rispondere, punto su punto, al silenzio a cui si vuole costringere la nostra coscienza di cittadini.


    Continua »
  9. Il 20 aprile del 1993 era un giorno di sole

    Il 20 aprile del 1993 era un giorno di sole.
    Alle 3 del pomeriggio non si fece buio ma un brivido percosse le case, le strade, le anime, i cuori di molti. Sentivamo nella tristezza del dolore di aver conosciuto un uomo in cui credere, un pastore che liberava la ricchezza depositata in ogni persona. Uno che incalzava l'oltre.
    Sono le singole persone che conducono la speranza oltre la soglia del lamento e la fanno esperienza di comunità.
    Sine modo. Senza misura. Oltre ogni differenza.
    Altrimenti non è Pasqua.
    Che è la festa dell'andare oltre. 
    Oltre anche la certezza della tua morte per indicare con il volto scavato dal dolore la strada della Pace.

    Continua »
  10. Ci estingueremo un attimo dopo che l’ultima ape avrà cessato di volare

    Gli scienziati confermano: ci estingueremo un attimo dopo che l’ultima ape avrà cessato di volare. È scientificamente dimostrato che le api passando di fiore in fiore portano la certezza della vita sempre un po’ più in là. Un fiore, e una certezza di vita in più per tutti. Un altro fiore, un’altra manciata di esistenza garantita. Per una di quelle infauste azioni di cui noi umani siamo capaci, le api sono a rischio estinzione. Mancano i fiori, mancano le api, manca la vita. Mancheremo noi. Ma la catena funziona anche così: mancano le api, manca la vita, mancano i fiori. Mancheremo noi. Noi mancheremo per ultimi. Un sorta di condanna meritata perché, pur conoscendo a memoria che per fare tutto ‘ci vuole un fiore’, abbiamo pensato che fosse solo il ritornello di una canzone e che invece il poeta non avesse voluto dirci qualcosa. Le api ci dicono che la vita non dipende, ma interdipende. Che una foresta che scompare è un problema planetario, che la plastica nei mari ci ritorna in tavola. Che possiamo creare l’intelligenza artificiale, ma ‘di fiore in fiore’ è l’azione che regge il sistema vivente. La foresta amazzonica, come gli ulivi di Puglia, le piogge tropicali nel centro e nord Europa come la nebbia non più in Val Padana sono il segno di un clima e di una economia che cambia. O di una economia che ha cambiato il clima. Il rapporto, in natura, non è solo di causa effetto e non è mai immediato. Ci vuole tempo perché un fiore diventi tavolo. Ci vuole tempo e noi abbiamo poco tempo. C’è una generazione over ‘anta’ che fatica a vedere e capire perché abituata a pensare e pensarsi in un tempo dell’ora et consuma: ‘prega che le cose cambino, ma nel frattempo goduti tutto ciò che puoi, consuma e accumula’. C’è una generazioni di adolescenti che non ha ancora il diritto di voto ma che si è messa in marcia con Greta Thunberg per dirci che hanno il diritto, loro e la terra, gli alberi delle grandi foreste come l’Amazzonia o gli alberi di una regione del mediterraneo, a un futuro in cui respirare e nutrirsi. La nostra generazione avrà inventato l’intelligenza artificiale e anche scoperto il cibo sintetico. Ma se mancano le api, mancheremo noi. Un attimo dopo che la Natura non ci sarà, non avremo nemmeno il tempo di capirlo in laboratorio. Perché non siamo sintetici e nemmeno artificiali. Siamo fatti di materia. Di acqua e di aria buona. E come i fiori, ne abbiamo bisogno.

    Ci salveranno le api. Se noi salveremo le api.

    (Elvira Zaccagnino su "Madre. Il mensile della famiglia")

    Continua »
Pagina

PERCHÉ QUESTE INFORMAZIONI

Ai sensi del d.lgs. 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 (di seguito "Regolamento"), questa pagina descrive le modalità di trattamento dei dati personali degli utenti che consultano il sito web di La Meridiana S.r.l. accessibili per via telematica al seguente indirizzo:

https://www.lameridiana.it

Informiamo l'utente che a seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili.

Le presenti informazioni non riguardano altri siti, pagine o servizi online raggiungibili tramite link ipertestuali eventualmente pubblicati sul sito.

Identità del Titolare

Titolare del trattamento è La Meridiana S.r.l., con sede legale in Molfetta (BA), Via Sergio Fontana n. 10/C –  c.a.p. 70056, (Email: info@lameridiana.it, PEC: edizionilameridiana@pec.it, Tel.: +39 0803971945).

Fonte dei dati e tipologia dei dati raccolti

 La Meridiana S.r.l. raccoglie i dati personali forniti volontariamente dagli utenti:

  1. al momento della registrazione sul sito Web o quando i suddetti eseguono una transazione tramite il sito Web, oltre ad altri dati personali associati all'elaborazione degli ordini. I suddetti dati possono, a titolo esemplificativo e non esaustivo, includere: Titolo, nome e cognome, nome aziendale, numero di partita IVA (se necessario), data di nascita, sesso, indirizzo e-mail, nome utente e password, indirizzo di spedizione e fatturazione (inclusi codice postale, città e Paese), numero di telefono e fax, tipo e quantitativo dei prodotti ordinati, data dell'ordine, stato di evasione degli ordini, data e ora della consegna del servizio, valore dell'ordine, valuta, informazioni di pagamento (numero e data di scadenza della carta di credito), richieste di resi o offerte per l'utente.
  2. relativi all'utilizzo del sito Web da parte dell'utente, ad esempio: indirizzo IP, i prodotti visualizzati e quelli presenti nel carrello; se l'utente giunge al sito Web tramite una pagina di rimando o un collegamento presente in un'e-mail promozionale o pubblicità su un altro sito Web che reindirizza al sito Web di La Meridiana S.r.l. l'azienda può, inoltre, raccogliere informazioni sulla pagina di rimando e sull'e-mail promozionale o pubblicità mirate insieme all'indirizzo IP dell'utente per analizzare l'efficacia delle operazioni di marketing (complessivamente "dati sull'uso").
  3. al momento dell’invio di un messaggio utilizzando i form predisposti per la richiesta di contatto, ovvero gli indirizzi di contatto presenti sul sito https://www.lameridiana.it
    L'invio facoltativo e volontario di messaggi agli indirizzi di contatto nonché la compilazione e l'inoltro dei moduli presenti sul sito, comportano l'acquisizione dei dati di contatto del mittente, necessari a fornire riscontro, nonché di tutti i dati personali inclusi nelle comunicazioni.
  4. dell’iscrizione al servizio di newsletter del titolare. La compilazione dei moduli necessari all’iscrizione al servizio newsletter comportano l’acquisizione dei dati di contatto dell’utente necessari all’erogazione del servizio. I dati forniti saranno trattati con modalità automatizzate e manuali. Il trattamento dei dati forniti dall’utente sarà comunque limitato a quanto necessario per porre in essere il servizio.
    I dati forniti saranno utilizzati con strumenti informatici e telematici al solo fine di fornire il servizio richiesto e per tale ragione, saranno conservati esclusivamente per il periodo in cui lo stesso sarà attivo.

Finalità del trattamento

A seconda del tipo di trattamento da porre in essere, il Titolare del trattamento utilizza:

  1. I dati sulle transazioni per elaborare ed evadere gli ordini, gestire i pagamenti, comunicare con l'utente in merito all'ordine, gestire eventuali resi, fornire assistenza ai clienti e permettere il ritiro dei prodotti. Saranno altresì utilizzati per acquisire dati e informazioni precontrattuali; scambiare informazioni finalizzate all’esecuzione del rapporto contrattuale, ivi comprese le attività pre e post contrattuali; formulare richieste o evadere richieste pervenute; gestire la contabilità e gli adempimenti fiscali.
  2. i dati personali dell’Interessato potranno essere trattati anche per finalità di marketing e promozione commerciale, per indagini e ricerche di mercato con riguardo a Servizi/Prodotti che il Titolare offre. Tale trattamento può avvenire, in modo automatizzato, con le seguenti modalità:  e-mail; sms; contatto telefonico e può essere svolto qualora l’Interessato non abbia revocato il suo consenso per l’utilizzo dei dati.
  3. per l’invio di news letter a carettere informativo o di promozione commerciale (es. inviti ad eventi, comunicazioni relative all’offerta di nuovi servizi, offerte promozionali). Tale trattamento può avvenire, in modo automatizzato a mezzo  e-mail e può essere svolto qualora l’Interessato non abbia revocato il suo consenso per l’utilizzo dei dati;
  4. per fornire riscontro a eventuali comunicazioni, richieste di informazioni e/o servizi provenienti dagli utenti mediante gli appositi form o utilizzando il/gli indirizzo/i presenti nella sezione contatti;
  5. per finalità di profilazione (es. analisi e/o previsione automatizzata delle preferenze personali e degli interessi dell’utente);
  6. Infine, i dati saranno utilizzati per gestire e controllare i rischi, prevenire possibili frodi, insolvenze o inadempienze; prevenire e gestire possibili contenziosi, adire le vie legali in caso di necessità.

Base giuridica del trattamento

In riferimento alle finalità indicate nel precedente paragrafo, la base giuridica delle stesse è, relativamente al punto:

  1. la necessità di dare esecuzione a un contratto di cui l’interessato è parte o a misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso;
  2. Il consenso espresso dall’interessato;
  3. Il consenso espresso dall’interessato;
  4. la necessità di dare esecuzione a un contratto di cui l’interessato è parte o a misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso;
  5. il consenso espresso dall’interessato per la specifica finalità.
  6. la necessità di perseguire il legittimo interesse del titolare del trattamento (in particolare con riguardo alla  prevenzione di frodi e insolvenze).

 

Cookie e altri sistemi di tracciamento

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare, questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell’Utente, come piccoli file di testo chiamati “cookie”, che vengono salvati nella directory del browser Web dell’Utente. Esistono diversi tipi di cookie, ma sostanzialmente lo scopo principale di un cookie è quello di far funzionare più efficacemente il Sito e di abilitarne determinate funzionalità.

I cookie sono utilizzati per migliorare la navigazione globale dell’Utente.

Per maggiori informazioni sui cookie utilizzati dal presente sito web è possibile visionare la cookie policy al seguente link.

 

Destinatari dei dati

I dati personali trattati dal Titolare non sono diffusi, ovvero non ne viene data conoscenza a soggetti indeterminati, in nessuna possibile forma, inclusa quella della loro messa a disposizione o semplice consultazione. Possono, invece, essere comunicati ai lavoratori che operano alle dipendenze del Titolare, o a soggetti autorizzati al trattamento in quanto operanti sotto l’autorità del titolare del trattamento. A tale proposito, La Meridiana S.r.l., ha incaricato dei fornitori di servizi terzi in relazione al funzionamento del sito Web, quali fornitori di servizi di hosting, fornitori di servizi di marketing e siti Web, fornitori di servizi di manutenzione IT, servizi di spedizione e servizi di verifica dell'IVA, nonché fornitori di servizi che consentono l'integrazione nel sito Web di altre funzioni che l'utente può usare a sua discrezione. A tali fornitori di servizi, designati in qualità di Responsabili del trattamento, vengono forniti solo i dati personali necessari per erogare i corrispettivi servizi e non è loro concesso di usare o divulgare i dati personali degli interessati per altri scopi, senza previa autorizzazione dell'interessato.

 

I dati, possono inoltre essere comunicati, per quanto strettamente necessario, a soggetti che per finalità di evasione degli ordini o di altre richieste o di prestazioni di servizio relativi alla transazione o al rapporto contrattuale con il Titolare, debbano fornire beni e/o eseguire su incarico del Titolare prestazioni o servizi.

Infine, i dati potranno essere comunicati ai soggetti legittimati ad accedervi in forza di disposizioni di legge, regolamenti, normative comunitarie.

In particolare, sulla base dei ruoli e delle mansioni lavorative espletate, alcuni lavoratori sono stati legittimati a trattare i dati personali, tenuto conto delle rispettive competenze e in conformità alle istruzioni ad essi impartite dal Titolare.

Trasferimento dei dati

In nessun caso il Titolare del trattamento trasferisce i dati personali in paesi terzi o a organizzazioni internazionali. Tuttavia, si riserva la possibilità di utilizzare servizi in cloud; nel qual caso, i fornitori dei servizi saranno selezionati tra coloro che forniscono garanzie adeguate, così come previsto dall’art. 46 GDPR 679/16.

Conservazione dei dati

Il Titolare del trattamento conserva e tratta i dati personali per il tempo necessario ad adempiere alle finalità i ndicate. Successivamente, i dati personali saranno conservati e non ulteriormente trattati, per il tempo stabilito dalle vigenti disposizioni in materia civilistica e fiscale.

In particolare, saranno conservati per tutta la durata della sua iscrizione anagrafica e comunque non oltre un periodo massimo di 12 (dodici) mesi di sua inattività, ovvero qualora, entro tale termine, non risultino associati dei Servizi e/o acquistati dei Prodotti mediante l’anagrafica stessa. 

Nel caso di dati forniti al Titolare per le finalità di profilazione, questi saranno conservati per 12 mesi, salvo sempre revoca del consenso prestato.

Nel caso di dati forniti per finalità di promozione commerciale e invio di newsletter per servizi diversi da quelli già acquisiti dall’Interessato, per le quali inizialmente Egli abbia prestato il consenso, questi saranno conservati per 24 mesi, salvo revoca del consenso prestato.

Nel caso di dati forniti al Titolare per le finalità di profilazione, questi saranno conservati per 12 mesi, salvo sempre revoca del consenso prestato.

Occorre inoltre aggiungere che, nel caso in cui un utente fornisca al Titolare dati personali non richiesti o non necessari al fine dell’esecuzione della prestazione richiesta ovvero all’erogazione di un servizio a essa strettamente connesso, La Meridiana S.r.l., non potrà essere considerata titolare di questi dati, e provvederà alla loro cancellazione nel più breve tempo possibile.

Diritti dell’interessato

In relazione ai dati oggetto del trattamento di cui alla presente informati va all’interessato è riconosciuto in qualsiasi momento il diritto di:

L'apposita istanza è presentata contattando il Titolare tramite PEC all’indirizzo edizionilameridiana@pec.it email all'indirizzo info@lameridiana.it o lettera raccomandata a/r all’indirizzo Molfetta (BA), Via Sergio Fontana n. 10/C –  c.a.p. 70056.

L’interessato, qualora ritenga che il trattamento dei Suoi dati avvenga in violazione di quanto previsto dal

Regolamento, può proporre reclamo a un'autorità di controllo (Autorità Garante per la protezione dei dati personali – www.garanteprivacy.it), come previsto dall'art. 77 del GDPR, o adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79 del GDPR).

 

Rifiuto al conferimento dei dati

Gli interessati non possono rifiutarsi di conferire al Titolare i dati personali necessari per ottemperare le norme di legge che regolamentano le transazioni commerciali e la fiscalità.

Il conferimento di ulteriori loro dati personali potrebbe essere necessario per migliorare la qualità e l’efficienza della transazione.

Pertanto, il rifiuto al conferimento dei dati necessari per legge impedirà l’evasione degli ordini. Gli ulteriori dati indicati nel paragrafo “Fonte dei dati e tipologia di dati raccolti” vengono forniti su base volontaria; tuttavia se l’interessato dovesse decidere di non fornire i dati richiesti, La Meridiana S.r.l.  potrebbe non essere in grado di fornire i servizi, consentire il completamento della transazione tramite il sito Web o elaborare l'ordine.

Processi decisionali automatizzati

Il Titolare non effettua trattamenti che consistono in processi decisionali automatizzati sui dati delle persone fisiche, se non nei confronti degli interessati che prestano il proprio consenso al trattamento dei dati per finalità di marketing, invio di newsletter e profilazione.