Papa Francesco: la rivoluzione dei gesti

ISBN
9788861533912

Papa Francesco si è presentato al mondo con la sua semplicità. Subito abbiamo saputo riconoscere i segni dell’essenzialità e della libertà, della sua assoluta autonomia: povero per essere massimamente libero senza cedere a forme sentimentali di pauperismo di facciata. Mai un papa nella storia recente si è permesso così “tante libertà”.

Ci sta facendo sognare una Chiesa capace di accogliere la sfida sempre nuova di ritornare al Vangelo.

 

L’elezione del cardinale Jorge Mario Bergoglio a Pontefice è stata salutata con la parola “novità”.

I suoi comportamenti, il suo abbigliamento, la sua croce pettorale, le sue sorridenti e spesso gioiose avventure sulla jeep o a piedi, in mezzo a decine di migliaia di persone in piazza San Pietro, i suoi discorsi, le sue prese di posizione, il continuo richiamo alla “Chiesa povera e dei poveri”: tutto “nuovo”, dunque, e tutto meritevole di attenzione? O tutto invece radicato in una tradizione evangelica che va solo recuperata?

Questo libro è qualcosa di molto diverso rispetto alla pubblicistica corrente. L’autore, un fratello della famiglia benedettina, presenta Francesco non come un “nuovo”, ma come un “figlio” immutato del Dio altrettanto immutato che ha incontrato a diciassette anni dopo una confessione; e come il frutto di una visione della fede cristiana e della Chiesa in cui si compenetrano l’uno con l’altro il passato, il presente e il futuro.

 

(dalla Prefazione di Beppe del Colle)

Dettagli
Autore Fratel MichaelDavide
Pagine 112
Collana Collane
paginealtre
paginealtre... lungo i sentieri della differenza
Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Papa Francesco: la rivoluzione dei gesti
Il tuo voto