Vivere come stranieri

Sottotitolo
L'estraneità nell'Antico Testamento
ISBN
9788885221742
Prezzo speciale 9,66 € Prezzo predefinito 11,36 €
Disponibile

L’estraneità è una realtà difficile da definire eppure pienamente compresa da coloro che la vivono. Non è legata solo a fattori contingenti: è estraneo chi non vede riconosciuta come propria una dimensione del suo esistere. Si può essere stranieri tra la propria gente, nella propria famiglia. Si è estranei anche nella propria pelle perché malati, nella propria bocca perché balbuzienti, nel proprio cuore perché soli; estranei perché portatori di un desiderio che mai si compie. Oggi l’uomo vive a dimensione planetaria e l’incontro con l’altro di ogni razza è inevitabile. Spesso conflittuale e carico di diffidenza reciproca. Questo libro, muovendo dall’esperienza di estraneità vissuta da personaggi dell’Antico Testamento, offre riflessioni profonde e nuove per comprendere che la diversità è anche convivialità. Un libro che a partire da vicende bibliche lontane nel tempo ma attuali nello Spirito, dona possibili crocevia per condividere pacificamente con lo straniero che ci è accanto il tempo, la storia, lo spazio.

Dettagli
Sottotitolo L'estraneità nell'Antico Testamento
Autore G. del Signore
Anno di pubblicazione 1997
Pagine 120
Collana percorsi... di teologia della pace
Scrivi la tua recensione
Stai recensendo:Vivere come stranieri
Il tuo voto