Iscrizione
 Stampa   
  
 Ricerca

Autore:
Titolo:
Argomento:
Libri da sfogliare:
  
  
Su questo sito puoi pagare con 
  
 Catalogo
  
 On line con noi

Inviaci una mail a info@lameridiana.it o

seguici su Facebook

  
  
  
 Google

Statistiche google

  
  
Titolo Il Regno di Dio è qui. Ora!
Collana paginealtre... lungo i sentieri della differenza
Autore A. Roncari
Pagine 168
Tipo Pubb. Libro
Anno 2013
ISBN 978-88-6153-377-6
Prezzo 16,50     € 14,03
Sconto 15%
Risparmio: €2,48


Quarta di copertina

Che cosa intendeva Gesù con “la buona notizia del Regno di Dio”?

La metafora del Regno usata da Gesù per condensare il suo messaggio, più che la descrizione di un evento futuro, comunicava una visione, una logica, una denuncia, un’utopia. Oggi diremmo: “I have a dream”: io ho un sogno. Una visione.

Il messaggio evangelico è arrivato fino a noi filtrato da millenni di tradizione teologica che hanno solidamente fondato la “religione cristiana” sulla salvezza, meglio sulla paura di Dio. La salvezza promette di evitare la pena eterna dell’inferno, grazie al sacrificio di Gesù Cristo, morto in croce per i nostri peccati e salito in cielo dove “siede alla destra di Dio Padre onnipotente”.

È questo il messaggio di Gesù di Nazareth?

Queste pagine prendono le mosse dal bisogno di ricercare, nel testo evangelico, le tracce di un diverso messaggio di salvezza. Basta sostituire “Vangelo” con la traduzione letterale del greco eu angelion: buona notizia, annuncio di una gioiosa novità.

Infatti, Gesù ha dedicato gli anni della sua vita pubblica a proclamare la sua buona notizia. Gesù aveva avvertito i suoi discepoli che, per accogliere il suo annuncio, era necessaria una profonda conversione: “il regno di Dio è qui. Cambiate mentalità e credete in questa buona notizia” (Mc 1,14-15), ma chi lo ascoltava ha resistito ad accoglierla, meritandosi più volte l’accorato rimprovero: tardi e lenti di cuore a credere! Cosa intendeva dire Gesù con la metafora del “Regno di Dio”?

I discepoli continuavano a pensare che annunciasse un evento eclatante, prodigioso, in grado di cambiare la storia di Israele a opera della potenza di Dio.

Invece, la metafora usata da Gesù per condensare il suo messaggio, più che la descrizione di un evento futuro, comunicava una visione, una logica, una denuncia, un’utopia. Oggi diremmo: “I have a dream”: io ho un sogno.

La visione di Gesù rivela una nuova comprensione del mondo di Dio e del mondo degli uomini. Ma la condivisione di questo sogno si è scontrata con le categorie mentali e culturali del tempo, con i modelli martellati per secoli dalla casta sacerdotale. E forse, siamo ancora qui.

     
Condividi:
<<
  
 I vostri commenti
Invia un tuo commento | Visualizza i commenti

Nessun commento al momento disponibile




  
  

  
 Seguici su

         

  
 Appuntamenti
 
Mostra tutti
  
 Progetti per le scuole
Proposte formative per docenti e scuole - Anno scolastico 2016-17Download
Proposte di lettura per la scuola secondaria 2016-17Download
Proposte di lettura per la scuola primaria 2016-17Download
  
  

  
Copyright 2008 by edizioni la meridiana - P.IVA 03633700723 - Powered by Sud Sistemi srl