Iscrizione
 Stampa   
  
 Ricerca

Autore:
Titolo:
Argomento:
Libri da sfogliare:
  
  
Su questo sito puoi pagare con 
  
 Catalogo
  
 On line con noi

Inviaci una mail a info@lameridiana.it o

seguici su Facebook

  
  
  
  

  
 Google

Statistiche google

  
  
Titolo Identità alla deriva
Sottotitolo Vuoto di sé e vuoto di relazione nel tempo del "tutti connessi"
Collana premesse... per il cambiamento sociale
Autore M.L. Verlato
Pagine 128
Tipo Pubb. Libro
Anno 2011
ISBN 978-88-6153-198-7
Prezzo 16,00     € 13,60
Sconto 15%
Risparmio: €2,40


Quarta di copertina

I conflitti, la solitudine, la paura di non piacere, dell'esclusione, di disturbare gli altri sono temi frequenti in terapia. Adesso come in passato riflettono i timori legati alle relazioni, al rapporto con gli altri. La paura di essere traditi se ci si fida, sfruttati, invasi, se ci si dimostra disponibili. La paura di venire criticati, giudicati.
Oggi a queste sofferenze se ne aggiungono altre. Il "male di vivere" che incontriamo sta prendendo delle coloriture molto diverse da quelle che nel tempo ci eravamo preparati a trovare ed affrontare. La sofferenza che si fa disagio è spesso legata al vuoto, ad una svalutazione delle relazioni e dei legami più difficili per tutti nonostante le possibilità di essere sempre connessi e raggiungibili ovunque.
La domanda vera è: ma l'altro dov'è? Cosa sta avvenendo nella società e cosa stiamo trasmettendo alle nuove generazioni? Cosa abbiamo fatto bene? E dove abbiamo fallito? Come cambiare rotta? Sono moltissime le domande di questo libro. Sono molto simili ai dubbi, agli interrogativi che si pongono genitori, insegnanti, educatori, sociologi e altri ancora.
Come lavorare con quello che non c'è? Con queste nuove forme di disagio? Potrebbero essere anch'esse strumenti per la sopravvivenza psichica, come spesso lo sono i sintomi in psicopatologia? Il miglior equilibrio possibile per non perdersi del tutto?
Possiamo immaginare che questo essere "senza centro" non sia la causa del nostro malessere, ma l'escamotage che abbiamo inventato per sopravvivere se non indenni, almeno non troppo malconci al cambiamento incessante?
Come adulti, e anche come psicoterapeuti, come continuare ad essere a nostra volta costruttori della nostra esperienza terapeutica e di teorie capaci di flessibilità e di andare verso il nuovo, senza smarrirci?

     
Condividi:
<<
  
 I vostri commenti
Invia un tuo commento | Visualizza i commenti

Nessun commento al momento disponibile




  
  

  
 Seguici su

         

  
 Appuntamenti
 
Mostra tutti
  
 Progetti per le scuole
Proposte formative per docenti e scuole - Anno scolastico 2016-17Download
Proposte di lettura per la scuola secondaria 2016-17Download
Proposte di lettura per la scuola primaria 2016-17Download
  
  

  
Copyright 2008 by edizioni la meridiana - P.IVA 03633700723 - Powered by Sud Sistemi srl